Il miniprestito Bancoposta

Potrebbe capitare di necessitare per fronteggiare delle spese impreviste di piccole entità, di un piccolo prestito, la soluzione giusta potrebbe essere rappresentata dal Mini Prestito BancoPosta ecco come funziona.

Caratteristiche del miniprestito

Il miniprestito è un finanziamento di modesto importo creato da Poste Italiane e riservato agli intestatari di una Carta Postepay Evolution valida. Il mini prestito potrebbe essere chiesto dai titolari di Carta Postepay Evolution, pur non disponendo di un conto corrente BancoPosta oppure bancario.

Il prodotto di Poste Italiane consente la scelta nella massima libertà fra tre classi di importo da richiedere, partendo da 1.000 euro, per poi passare a 2.000 euro fino a 3.000 euro per rimborso di durata unica per le tre fasce e pari a 22 mesi.

Dopo la sua concessione, il finanziamento verrà accreditato in modo diretto da Poste sulla carta Postepay Evolution. Il relativo rimborso avviene mediante addebito su Carta Postepay Evolution oppure su conto corrente BancoPosta, con una cadenza mensile mediante il pagamento di rate fisse.

L’eventuale concessione del finanziamento è soggetta all’approvazione di Compass Banca Società per Azioni, anche se si tratta di un finanziamento distribuito da Poste Italiane S.p.A., grazie a un accordo distributivo non esclusivo che è stato sottoscritto con Compass Banca S.p.A.,un ‘ intesa non prevedente nessun costo in aggiunta per i clienti sottoscrittori.

Mini Prestito BancoPosta potrà essere richiesto dai titolari di Carta Postepay Evolution con un’età compresa fra i 18 e 70 anni. Per poter fare domanda di finanziamento occorrerà la compilazione di un modulo allo sportello postale ed esibire alcuni documenti quali:

  • documento d’identità valido;
  • tessera sanitaria o codice fiscale.
  • Documento relativo al reddito percepito
.

Per i cittadini stranieri sono richiesti in aggiunta:

  • Passaporto;
  • carta di soggiorno o permesso di soggiorno;
  • documento che attesti la residenza in Italia da non meno di un anno per i lavoratori dipendenti oppure da non meno di 36 mesi per i lavoratori autonomi;
  • documentazione che certifica lo svolgimento di un impiego da non meno di 12 mesi continuativi presso il medesimo datore di lavoro
.

In caso di specifiche caratteristiche da parte di chi richiede il prestito, potrebbe essere richiesta anche della documentazione aggiuntiva.

Il diritto di recesso dal prestito può essere esercitato entro quattordici giorni rispetto alla concessione del finanziamento. Mentre in relazione all’estinzione anticipata del Mini Prestito BancoPosta è sempre gratuita e possibile, perchè non sono previsti oneri per il cliente per l’anticipata chiusura anticipata. L’estinzione anticipata del prestito è possibile soltanto trascorso il periodo di recesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *